LA FESTA DELLA REPUBBLICA ITALIANA NEL CIRCOLO ITALO-CILENO DI LIMACHE

SANTIAGO\ aise\ – Limache é una ridente cittadina a pochi km dal mare sulla costa del pacifico della regione V del Cile dove nei registri consolari risultano residenti circa 20.000 cittadini italiani ed italo- cileni iscritti all’ Aire.

Gli italiani e le loro famiglie discendenti che oggi risiedono a Limache sono di antica tradizione e da ben 60 anni si riuniscono intorno ad una struttura che si trova nel cuore della città: il Circolo Italo-cileno di Limache. Questo nome di battesimo simboleggia la caratteristica di una comunità che si stabilisce nella zona già alla fine del Secolo XIX e che, a metá del 900, raggiunge un buon livello di integrazione con grande operosità e senza rinunciare ai caratteri distintivi dell’italianitá. Negli anni in questa fertile zona del paese nascono 10 importanti aziende agricole, diverse delle quali in mano italiane.
L’accogliente casa del Circolo ha un ampio salone dove possono riunirsi comodamente anche 250 persone: succede, in particolare, ogni 2 giugno per celebrare un nuovo anniversario della Repubblica Italiana. Quest’anno, come consigliere Cgie, sono stato invitato alla celebrazione iniziata con la Santa Messa celebrata dai padri Guanelliani che sono presenti nella zona con una delle loro opere sociali, sostenuta anche dai connazionali.
Anche in occasione di questo pranzo abbiamo trovato sui tavoli una busta per la raccolta dei fondi (azione promossa e seguita direttamente dalla Presidente del Comitato Dante Alighieri della Regione, la docente Pia Mastantonio).
La cerimonia è stata arricchita anche da riconoscimenti ai soci più anziani del circolo. Momento culmine della giornata é stata la consegna da parte del sindaco della cittá, il politologo Daniel Morales, al Console italiano onorario della regione di Valparaiso Franco De Zerega, di una cartella contenente l’approvazione del Consiglio Comunale per creare una piazza che si denominerá “Piazza Italia”.
De Zerega ha subito annunciato che nella piazza verrà eretto un monumento che inneggi alla storia dell’emigrazione italiana.
Limache è un serbatoio di storia dell’emigrazione italiana in Cile; continuano ad arricchire questa presenza soprattutto i giovani che, insieme agli adulti ed ai bambini, hanno reso “visibile” la famiglia italiana.
Per questo vale la pena riportare un significativo passaggio del discorso inaugurale della celebrazione che il Presidente del Circolo, Juan Ansaldo, ha voluto affidare ad un giovane membro del direttivo, Giorgio Rovegno, che ha detto: “in realtá oggi non solo si celebra l’identitá nazionale italiana anche in questa terra, ma anche i valori della democrazia che condividiamo tanto in Italia come in Cile e su cui si sono costruiti i vincoli ed i rapporti tra i nostri due paesi che vantano lunghi anni di rapporti bilaterali. Le relazioni diplomatiche tra i nostri due paesi iniziarono subito dopo l’Unitá d’Italia con uno scambio di lettere tra il Re Vittorio Emanuele ed il presidente della repubblica del Cile José Joaquin Perez. Il 2 giugno è una data altamente simbolica da un punto di vista politico anche se non é sufficiente a rappresentare la soliditá della nostra amicizia e i profondi ed antichi vincoli che in questi anni abbiamo costruito fin dall’inizio della colonia quando il numero di italiani immigranti in Cile non aveva mai superato i 500. Tra questi assume rilievo l’imprenditore teatrale Pietro Alessandri che sará il nonno di Arturo Alessandri Palma presidente della Repubblica del Cile tra il 1920 1932”.
62.000 gli iscritti all’Aire, 200.000 e forse piú gli italo discendenti che portano in loro stessi la passione per la terra in cui sono nati e vivono, ma con il germe della cultura delle origini che crea una corrente di idee e propositi che arricchiscono la storia di un paese giovane come il Cile in cui la cultura economica, energetica, sociale e religiosa italiana ancora trovano spazi di crescita comune e sinergica, amplificati appunto dalle comunitá italo-cilene con un ruolo di cerniera nel senso etimologico piú ampio.
È questa anche la concezione nostra personale del senso che ha l’Aire, la circoscrizione estero e l’esercizio di voto ma i numeri vanno arricchiti con concetti e contenuti. (nello gargiulo*\aise)
* Consigliere Cgie Cile 

leggere su Aise.it

Agregar un comentario

Su dirección de correo no se hará público.