Archivo de Categoría: Italia

Veneti nel Mondo: un forte legame tra Italia e Cile

Spettabile

COMITES

Cile

 Alla cortese attenzione del Presidente Claudio Curelli

 Caro Claudio,

Le invio questa e-mail come forma di memorandum a seguito della nostra chiacchierata di ieri.

Le principali iniziative della nostra associazione, che fungono da tramite nel rapporto tra la regione Veneto ed il Cile, sono due:

Il gemellaggio tra il Parco Omora e il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e il Centro bioculturale Pigafetta(Vicenza – Ecoregione subantartica di Magellano e Capo Horn)

Continúa leyendo Veneti nel Mondo: un forte legame tra Italia e Cile

Quale governo dopo Renzi: la crisi nelle mani del Presidente Mattarella. Forse lunedì l’incarico – Rai News

Il nome di Dario Franceschini catalizza le attenzioni mentre dal capo dello Stato sfilano i presidenti di Senato e Camera, Grasso e Boldrini, e il presidente emerito Napolitano. Mattarella intende procedere con il massimo scrupolo ma anche rapidamente, visto che il 15 dicembre, esattamente tra una settimana, è in agenda un Consiglio europeo

Fuente: Quale governo dopo Renzi: la crisi nelle mani del Presidente Mattarella. Forse lunedì l’incarico – Rai News

Los resultados en Chile: ¿Cómo votaron los italochilenos?

Schiavone (CGIE): Il voto all’estero va difeso / el voto en el extranjero hay que defenderlo

Il voto all’estero e le leggende metropolitane

-Michele Schiavone, Secretario General del Consejo General para los Italianos en el Exterior, CGIE, a raíz de publicaciones y polémicas, explica en el presente comunicado por qué debe defenderse el derecho a voto de los ciudadanos residentes en el exterior-

Succede oramai da qualche lustro e sembra un refrain, che si ripete con progressiva enfasi dalle prime votazioni legislative tenutesi nella ripartizione estero nel 2006. Continúa leyendo Schiavone (CGIE): Il voto all’estero va difeso / el voto en el extranjero hay que defenderlo

Test d’Ingresso in Cile al Politecnico di Torino

A Santiago e Valparaíso, opportunità per gli studenti cileni:

Test d’Ingresso in Cile al Politecnico di Torino

Rivolto a Studenti cileni e argentini, o con cittadinanza cilena o argentina, il Politecnico di Torino ha recentemente avviato il programma “TOPoliTO: attracting international Top students at the Politecnico di Torino” finalizzato al reclutamento di studenti internazionali di qualità per l’inserimento in corsi di studio di primo e secondo livello. Continúa leyendo Test d’Ingresso in Cile al Politecnico di Torino

Referendum Costituzionale: Le NUOVE scadenze per votare in Cile.

Le NUOVE scadenze e le modalità per l’esercizio del voto in Cile.

Los NUEVOS plazos y las modalidades para el ejercicio del voto en Chile.

ita

Gli italiani temporaneamente in Cile (all’estero), potranno votare, anche se non iscritti all’AIRE facendo specifica domanda che si riterrà valida entro il 2 novembre prossimo.

Invece, chi essendo iscritto all’AIRE, intende votare in Italia, può farlo tramite comunicazione fatta entro l’8 ottobre.

Gli elettori iscritti all’AIRE riceveranno come di consueto il plico elettorale nel domicilio dichiarato. Si ricorda che aggiornare il proprio domicilio presso l’autorità Consolare è onere del cittadino.

Approfondimenti in italiano:ambasciata santiago

esp

En Chile las personas que poseen ciudadanía italiana y que se encuentran debidamente inscritos en el AIRE (registro de los italianos en el extranjero) recibirán por correspondencia en el domicilio registrado el material electoral para poder votar por correspondencia.

Es muy importante por tanto mantener actualizado el domicilio en los registros consulares de la Embajada de Italia para que la correspondencia llegue correctamente y en los plazos útiles para poder votar.

Mayor Información:

ambasciata santiago

4 dicembre 2016: si vota il Referendum Costituzionale.

esp

Último Minuto de comites.cl: Todos los italianos en Chile están convocados a participar en este importante Referéndum fijado para el 4 diciembre próximo.

El Referéndum Constitucional italiano, en caso de ser aprobado por la consulta ciudadana (plebiscito), modificará profundamente las instituciones de la República Italiana y las estructuras constitucionales que las sustentan.

Durante el Consejo de Ministros de hoy en Roma se determinó la fecha del 4 de diciembre como la mejor. La fecha era la última posibilidad en el marco de las opciones previstas por la ley.

Como es habitual, los italianos en Chile serán llamados a votar mediante el sistema de voto por correspondencia.

ita

Approfondimenti e maggiori informazioni in italiano:

Libro di Condoglianze a Santiago per il Presidente Ciampi (RIP)

Libro di Condoglianze a Santiago per il Presidente Ciampi (RIP)

logo comites luto

La nostra Ambasciata ha informato l’orario d’apertura di un libro di Condoglianze presso l’Ambasciata Italiana a Santiago, in memoria del Presidente Emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
  • Mercoledì 21 settembre: dalle ore 1100 – 1530.
  • Giovedì 22 settembre: dalle ore 1100 – 1300.

ZeroHedge: «l’Italia è la madre di tutte le minacce sistemiche.»

ZEROHEDGE: «L’ITALIA È LA MADRE DI TUTTE LE MINACCE SISTEMICHE.»

ZeroHedge: l’Italia è la madre di tutte le minacce sistemiche

Via ZeroHedgeGeorge Friedman avverte che la crisi bancaria italiana potrebbe portare ad una nuova crisi globale come quella del 2008 e al fallimento del sistema internazionale. Le banche europee sono infatti fortemente interconnesse e la miccia italiana darà fuoco alle polveri della Deutsche Bank, ritenuta dal FMI “il maggior singolo contributore” alle minacce sistemiche. Ma a differenza del 2008, questa è sostanzialmente una crisi politica e amministrativa: è la UE con la sua assurda regola sul bail-in che rende difficile trovare una via d’uscita per le banche italiane, e sono le aspettative degli elettori tedeschi, falsate dalla retorica contro le cicale dell’Europa del Sud, che rendono impossibile il supporto politico a meccanismi di salvataggio.

di George Friedman, 17 settembre 2016

L’Italia è stata in crisi per almeno otto mesi, anche se i media tradizionali non l’hanno ammesso fino a luglio. Questa crisi non ha nulla a che fare con il Brexit, anche se gli avversari del Brexit sosterranno il contrario. Anche se la Gran Bretagna avesse votato per rimanere in Europa, la crisi italiana starebbe comunque accelerando.

Continúa leyendo ZeroHedge: «l’Italia è la madre di tutte le minacce sistemiche.»

MARCINELLE: Tragedia commemorata con l’Arte.

Marcinelle262: omaggio alle vittime della tragedia.

Una mostra itinerante che ideologicamente unisce l’Italia da Nord a Sud per ricordare e commemorare le vittime italiane nella miniera di carbone in Belgio. Quest’anno ricorre il 60° anniversario; era infatti il 1956 quando morirono 262 minatori di cui la maggior parte, 136, era italiana. Continúa leyendo MARCINELLE: Tragedia commemorata con l’Arte.

PERFORACIONES EN ALTA MAR: FIRMADO EL DECRETO PARA REFERENDUM ABROGATORIO

El Jefe de Estado Sergio Mattarella ha firmado el decreto sobre normas ambientales que anuncian el referéndum anti-perforaciones para el 17 de abril.
De esta manera se hace oficial la decisión del gobierno de no fusionar la consulta con las elecciones locales. Esta decisión ha provocado protestas por parte del Presidente de la Región Puglia Michele Emiliano, que ilfattoquotidiano.it dijo que estaba “entristecido” e hizo suyo el llamamiento del presidente del consejo regional de Basilicata Piero Lacorazza al jefe de Estado, que ya había decidido el día de las elecciones. Lacorazza se había quejado también de que la fecha del 17 de abril “pondría en peligro la aplicación de la ley 28 de 2000, sobre las reglas del juego, ya que esta fecha no permitiría a los organismos competentes para completar los procedimientos previstos en el momento oportuno para llevar a cabo al menos 45 días antes la campaña electoral, como lo requiere la ley “.
Il Colle se explica haciendo saber que la firma se llevó a cabo sobre la base del Decreto 98 de 2011, que prevé la posibilidad de combinar entre sí referéndum o elecciones de diferente grado, pero una elección no es un referendum. Tanto es así que para las elecciones de un referéndum anterior combinado, en 2009, fue necesaria una ley específica.
Se les pide a los ciudadanos a votar sobre la derogación de la ley de perforación limitada a las palabras “para el término de la vida útil del yacimiento de petróleo, de acuerdo con las normas de seguridad y protección del medio ambiente”. El Tribunal Constitucional el 19 de enero ha admitido a trámite la sexto consulta promovidos por Basilicata, Marche, Puglia, Cerdeña, Veneto, Calabria, Liguria, Campania y Molise. Que es la que se centra en la vigencia de las concesiones ya emitidas que, de hecho, con la actual legislación son válidas hasta que el depósito se ha agotado.

Los italianos en Chile podrán votar. Informarse aqui.

traducido desde:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/02/16/trivelle-mattarella-firma-decreto-referendum-il-17-aprile/2471209/

L’Alfa 4C in pista, emozioni a volontà

L’Alfa 4C in pista, emozioni a volontà

Abbiamo provato la compatta coupé supersportiva Alfa Romeo all’Autodromo di Modena. Senza risparmiare gomme e freni… Insomma, esame superato a pieni voti

di Maurizio Spinali

Scocca e telaio

La vasca centrale è in carbonio, per questo il peso è di circa 900 kg. Le dimensioni sono di meno di 4 metri in lunghezza, 2,38 di passo, 1,86 di larghezza e di 1,18 d’altezza. Insomma, ha le proporzioni di una piccola supercar.

 Motore e trasmissione

Il motore è il 4 cilindri sovralimentato di 1.742 cc per 240 cv, 350 Nm di coppia, messo appena dietro i sedili, in posizione centrale. Il cambio è a doppia frizione a sei rapporti. Non c’è autobloccante meccanico, ma uno elettronico a regolare la spinta che è sulle ruote posteriori. Lo 0-100 dichiarato è di 4,5 secondi, la velocità massima di 258 km/h.

Sterzo e freni

Lo sterzo non è servoassistito. Uno certo sforzo per girarlo è sempre necessario, ma teoricamente questo va a favore della precisione e sensibilità di guida. I freni sono a 4 pistoncini Brembo davanti e a dischi auto ventilanti dietro.

La prova in pista

Abbiamo portato la 4C a Modena. E lì abbiamo subito selezionato la modalità «Race» del suo Dna. A quel punto abbiamo provato a guidarla non solo per fare il tempo, ma per vedere fino a dove era possibile spingerla in termini di guida divertente. La seduta è bassa, e per entrarci devi scavalcare il brancardo. Una volta dentro, te la senti addosso come dev’essere un’auto di questo tipo. Tutto vicino, tutto incollato, tutto semplice.

 

Novità e recensioni accessori auto di ultima generazione. Leggi sul Corriere della Sera le ultime novità tecnologiche per personalizzare la tua auto.

Fuente: Corriere della Sera

Bilaterale Merkel-Renzi. Merkel:”Serve accordo con la Turchia”. Renzi: “Italia pronta a ogni sforzo” – Rai News

Il premier: “La ripresa in Italia c’è, si tocca con mano. Sulla flessibilità non vogliamo nuove regole, ma che quelle che esistono siano applicate. La Merkel: “sulla flessibilità decide la Commissione Ue”. Con la Germania – ha detto Renzi – “non siamo d’accordo su tutto, ma crediamo insieme che combattere la disoccupazione è combattere il populismo. Il nostro avversario è lo stesso”

29 gennaio 2016
Faccia a faccia a Berlino tra il premier Matteo Renzi e la Cancelliera tedesca Angela Merkel. “E’ urgente un accordo sulla Turchia”, ha detto la Cancelliera. Sull’immigrazione, ha detto Renzi, “siamo pronti a fare ogni tipo sforzo in questa direzione e pronti a superare le incomprensioni che pure ci sono state”. La Merkel ha plaudito allo sforzo italiano sulle riforme e al jobs act. “Per la prima volta siamo qui con risultati e non promesse”, ha detto il premier. Ma c’è stato uno scambio anche sulla questione della flessibilità. “Sulla flessibilità – ha detto Renzi – chiediamo che le regole Ue che esistono siano applicate, non chiediamo nuove regole”. “La cosa bella – ha detto la Merkel – è questa. Che anche quando si tratta della comunicazione della flessibilità, entrambi accettiamo che ci siano interpretazioni della Commissione divergenti”. “Non mi immischio in queste cose – ha aggiunto -. È compito della Commissione decidere l’interpretazione”. Italia e Germania unite per un’Europa più forte “Siamo in un momento delicato della storia dell’Europa – ha detto Renzi – ne avverto tutta la responsabilità.
L’Italia è unita alla Germania nel dire che vogliamo più Europa, un’Europa più forte, capace di dare le risposte a tutti i problemi dall’immigrazione all’economia”. Con la Germania “non siamo d’accordo su tutto, anche perché veniamo da diverse famiglie politiche. ma crediamo insieme che combattere la disoccupazione è combattere il populismo. Il nostro avversario è lo stesso”. “Grazie agli sforzi del governo italiano, alla collaborazione europea e agli amici tedeschi sono qui con un elenco di riforme e risultati e non di promesse. L’Italia non è più il problema dell’Europa e ha voglia di fare la propria parte, come doveroso e come la storia del nostro Paese ci impone”. “Noi siamo i primi a dire che dobbiamo far scendere il debito: non lo dico per fare un piacere ad Angela, ma per fare un piacere ai miei figli”. Renzi: “Se l’Europa perde Schengen perde se stessa” “Se l’Europa perde Schengen perde sé stessa: ogni sforzo che possiamo fare per mantenere vivo l’ideale europeo va fatto insieme” ha detto Renzi. “Per mesi l’immigrazione sembrava soltanto un problema italiano, adesso è un problema europeo che durerà mesi, forse anni”. Renzi: la ripresa in Italia c’è, si tocca con mano “Nei primi 11 mesi 2015 l’import di prodotti tedeschi in Italia è aumentato del 7%. Non è un buon dato per il Pil ma è un segno che finalmente la ripresa in Italia c’è e si tocca con mano” ha detto il premier Renzi. –
See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Renzi-da-Merkel-a-Berlino-Merkel-urgente-accordo-con-la-Turchia-Renzi-Italia-pronta-a-ogni-sforzo-197ea4ec-342d-4a31-8018-ab0d51605d95.html

Fuente: Bilaterale Merkel-Renzi. Merkel:”Serve accordo con la Turchia”. Renzi: “Italia pronta a ogni sforzo” – Rai News

Litio: salgono i volumi, giù il prezzo

Litio: salgono i volumi, giù il prezzo

Elemento fondamentale di qualsiasi batteria (dal telefono al computer, all’auto), è destinato a diventare sempre meno costoso. Ma c’è un problema: lo smaltimento

di Alessandro Marchetti Tricamo

 ROMA È il materiale del futuro. È il litio ed è l’elemento fondamentale delle batterie. Tutto (o quasi) quello che oggi va a batteria usa il litio. Smartphone, tablet, pc o automobile che sia. I sistemi al litio possono contare su un’alta densità energetica, un lungo ciclo di vita e una ridotta velocità di autoscarica. I volumi crescono (le stime sono diverse, ma si può parlare con buona approssimazione di circa 7 miliardi di batterie al litio in circolazione) e i prezzi scendono. Ad approfittarne è in particolare l’industria automobilistica: «Oggi una batteria al litio ha un costo di 145 dollari per chilowattora, per il 2022 ci aspettiamo si possa arrivare fino a 100 dollari al chilowattora», spiega Mark Reuss, vice presidente esecutivo di General Motors. La stessa previsione, anticipata però al 2020, è di JB Straubel, cofondatore di Tesla e responsabile dello sviluppo delle elettriche californiane. Considerando che solo nel 2013 il costo medio era di 500 dollari al chilowattora, il vantaggio per chi produce (e acquista) un’auto elettrica non è male.
Il nodo della riciclabilità

Batterie che possono contare su una seconda vita in grado di dare un valore a fine ciclo di vita a bordo di un’auto: nei prossimi mesi a Lünen in Germania, grazie a una joint venture tra Daimler, The Mobility House e Getec, entrerà in funzione il secondo impianto al mondo per accumulo di energia rinnovabile con batterie al litio in disuso di veicoli elettrici in grado di stoccare fino a 13 megawattora. «È stato stimato — spiegano i tedeschi — che una batteria, non più funzionale a un’auto, può comunque continuare a operare in modo efficiente in un uso stazionario per altri 10 anni». Il problema semmai si chiama riciclabilità del litio: «All’interno delle batterie al litio ci sono metalli che potenzialmente possono essere cancerogeni. Oltre alla presenza di vapori tossici. Gli accumulatori al litio tendono poi a mantenere un seppur minimo livello di carica che, se non opportunamente neutralizzato e gestito, può essere causa d’incendi ed esplosioni», spiega Giancarlo Morandi, presidente di Cobat, il Consorzio nazionale raccolta e riciclo.

Con l’aiuto dell’ossigeno

In Italia e nel resto del mondo «è difficile trovare imprenditori decisi a investire sul recupero del litio», continua Morandi, con impianti che si contano sulle dita di una mano negli Stati Uniti, in Canada e Belgio. Per questo lo stesso Cobat, per offrire soluzioni innovative per la raccolta e riciclo delle batterie a fine vita, ha avviato con il Cnr una ricerca sul processo di trattamento degli accumulatori al litio esausti che renda il tutto facile e sicuro. Una maggiore stabilità e sicurezza nelle operazioni di recupero potrebbe arrivare dalle batterie al litio aria, dove l’ossigeno è utilizzato in sostituzione dei metalli pesanti, accumulatori che garantirebbero, come dimostra un recente studio dell’Università di Cambridge, anche costi ridotti di un quinto rispetto alle tradizionali batterie al litio: «Non abbiamo però ancora risolto tutti i problemi chimici della batteria e siamo ancora a un livello di ricerca e sviluppo», spiega il professor Clare Grey del dipartimento di Chimica dell’Università di Cambridge e autore della ricerca.

Fuente: Corriere della Sera

Calcio e fisco, 64 indagati. Accuse a Galliani, De Laurentiis e Moggi jr – Corriere.it

L’ipotesi di reato è evasione fiscale e false fatturazioni, sequestrati beni per 12 milioni di euro. Fiamme Gialle anche nella sede del Milan. Indagati anche Lavezzi e Crespo. Il procuratore: «Radicato sistema per evadere le tasse»

di Fulvio Bufi e Redazione Sport

È di 12 milioni di euro l’ammontare complessivo dei sequestri operati in queste ore dalla guardia di finanza su delega della procura di Napoli nei confronti di dirigenti e calciatori di serie A e B e di alcuni procuratori calcistici.

Gli indagati

I sequestri operati sinora sono 58 ma gli indagati sono 64 e nell’elenco figurano, tra gli altri, l’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, il presidenti di Napoli e Lazio, Aurelio De Laurentiis e Claudio Lotito, l’ex dirigente della Juventus Jean Claude Blanc, il procuratore Alessandro Moggi (figlio di Luciano Moggi), i calciatori ed ex calciatori Lavezzi, Milito, Mutu, Denis, Crespo. I reati contestati agli indagati sono esclusivamente di carattere tributario e sarebbero stati commessi durante le operazioni di compravendita di alcuni giocatori. Secondo gli investigatori il meccanismo della frode consisteva nel fare apparire il lavoro dei procuratori svolto nel solo interesse delle società alle quali fatturavano fittiziamente la loro prestazione d’opera di intermediazione. In questo modo le società potevano dedurre dal reddito imponibile le spese che risultavano a beneficio dei procuratori, e i calciatori potevano non dichiarare alcuni benefit ricevuti dalle società.

«Radicato sistema per evadere le imposte»

L’inchiesta, ribattezzata «Fuorigioco», è condotta dai pm della procura di Napoli Danilo De Simone, Stefano Capuano e Vincenzo Ranieri, coordinati dal procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli. Secondo i pubblici ministeri esisteva un radicato sistema finalizzato a evadere le imposte, coinvolte 35 società calcistiche. L’inchiesta che ha portato ai provvedimenti di oggi nasce con la Guardia di Finanza che nel 2012 nelle sedi del Napoli e della Figc acquisisce i contratti di Ezequiel Lavezzi, ceduto dal Napoli al Psg, e del quasi sconosciuto attaccante argentino Cristian Chavez. Partendo da quella attività, nove mesi dopo, i finanzieri si sono presentati nelle sedi di 41 società di serie A e B per acquisire ulteriore documentazione. Gli investigatori parlarono di un «fenomeno generalizzato» nel calcio italiano, vale a dire la «progressiva ed esasperata» lievitazione degli oneri relativi agli ingaggi dei calciatori. E questo, era l’ipotesi investigativa, che avrebbe fatto sì che nel tempo si determinasse una situazione di squilibrio gestionale sul piano economico-finanziario che potrebbe aver spinto le società a compiere una serie di illeciti fiscali. L’attenzione della procura e della Gdf si è concentrata su diversi aspetti della gestione dei club: dalla ricostruzione dei rapporti tra società, procuratori e calciatori alle modalità di trasferimento di questi ultimi; dall’esame dei contratti alle modalità d’inserimento nei bilanci dei giocatori; dalle operazioni di compravendita e rinnovo alla gestione dei diritti d’immagine e dei diritti televisivi; dall’attività di scouting ai compensi per i calciatori qualificati come «fringe benefit».

Milan

Le prime reazioni delle società sono caute. Contatto dal Corriere l’amministratore delegato del Milan Galliani ha chiesto di rivolgersi all’avvocato della società rossonera Cantamessa che si è limitato a dire «non abbiamo alcuna paura».

Fuente: Calcio e fisco, 64 indagati. Accuse a Galliani, De Laurentiis e Moggi jr – Corriere.it