Todas las publicaciones por Adm

“Cielos de Santiago”di Clara Salina: al di là dell’immagine

“Cielos de Santiago”: al di là dell’immagine

Storia, arte e vissuti attraverso i soffitti dei più begli edifici di Santiago

Incredibile ma vero. Guardando con il naso all’insù non solo possiamo scoprire prospettive bellissime custodite gelosamente nelle architetture dei soffitti ma persino la storia del nostro amato Cile.

Ad accorgersene per prima è stata Clara Salina, autrice, nonché straordinaria fotografa, del libro: “Cielos de Santiago”, una vera chicca per gli amanti dei libri fotografici che però, in questo caso non si limita a catturare immagini, ma soprattutto ad imprigionare emozioni. Emozioni per le meraviglie che non solo spesso passano inosservate e silenti sopra le nostre teste, ma soprattutto perché i soffitti alla fine “Sono i veri testimoni di quello che accade”, spiega Clara Salina che ha voluto incontrarci negli studi di Radio Perché, la radio del Comites, “Attraverso le porte semplicemente si passa e basta ma sotto i soffitti é dove noi tutti svolgiamo i nostri ruoli e questo spesso noi non lo pensiamo”. E se si pensa alla storia, a quante vicende positive, negative o tristi che si sono susseguite sotto i soffitti dei nostri palazzi santiaguini o “casone”, magari dimenticate e abbandonate, possiamo capire la portata di questa nuova prospettiva di lettura.

 

Continúa leyendo “Cielos de Santiago”di Clara Salina: al di là dell’immagine

“A Santiago c’é una piazza”: Presentato alla presenza dell’Ambasciatore Marco Ricci

Presentato alla presenza dell’Ambasciatore Marco Ricci il libro di Fabio Evangelisti: “A Santiago c’é una piazza”

In uno stupendo scenario di sapori e di prodotti, tutti rigorosamente italiani, si è svolta sabato scorso 16 dicembre la presentazione del libro: “A Santiago c’é una piazza”, di Fabio Evangelisti.

leggere anche intervista a Radio Perché

Proprio nel cuore della azienda fondata dal protagonista di questo appassionate testo, l’autore ha raccontato la storia affascinante di Alberto Rosselli, di Massa di nascita ma di Santiago di adozione. Un evento che ha coinvolto un gran numero di persone e che ha avuto l’onore di essere aperto con le parole dell’Ambasciatore d´ Italia in Santiago, Marco Ricci:

“Il libro mi é piaciuto molto, una storia forte”. Con acuta e attenta analisi l’Ambasciatore ha saputo porre i cardini della discussione non senza ricordare come il dramma della dittatura ha profondamente segnato la vita di molte famiglie italiane che vivevano e lavoravano in Cile.

Continúa leyendo “A Santiago c’é una piazza”: Presentato alla presenza dell’Ambasciatore Marco Ricci

Schiavone: Auguri di fine anno dal CGIE

Care e cari Presidenti dei Comitati degli italiani all’estero nel mondo

il Consiglio Generale degli italiani all’estero vi ringrazia sentitamente per il vostro lavoro

a sostegno ed in rappresentanze delle comunità italiane nel mondo.

Vogliate trascorrere le prossime festività natalizie in pace e armonia con i vostri cari.

Michele Schiavone

Segretario generale del Consiglio generale degli italiani all’estero

Juan Cúneo, Cavaliere del Lavoro: “Hay mucho que hacer en este país y quiero seguir aportando ideas”

Acaba de ser galardonado en Roma por el Presidente de Italia, como Cavalieri del Lavoro, por contribuir con su trabajo al desarrollo económico. Aquí, el ex presidente de Falabella repasa su trayectoria, su vida tras dejar la primera línea de la firma, y enfatiza: “La delegación está completada”.

Azucena González.
Economía y Negocios Domingo
El Mercurio

Hace unos días, Juan Cúneo Solari (85 años) llegó de un viaje desde Italia. No fue uno más de los muchos que ha realizado a lo largo de su vida a la tierra de sus padres. Es que el 30 de noviembre, en una ceremonia desarrollada en el Palazzo del Quirinale, en Roma, Cúneo fue condecorado como Cavalieri del Lavoro, un reconocimiento que confiere la Presidencia de la República de Italia a emprendedores italianos, por el mérito al trabajo, aunque estén en el extranjero, y que hayan contribuido en modo significativo a la promoción de la economía italiana en diversas actividades, generando empleo y desarrollo social. Continúa leyendo Juan Cúneo, Cavaliere del Lavoro: “Hay mucho que hacer en este país y quiero seguir aportando ideas”

Fabio Evangelisti ci racconta la straordinaria vita di Alberto Roselli

Fabio Evangelisti autore di A Santiago c’è una Piazza ci ha visitato alla Radio Perché per presentare il libro dove ci racconta la vita di Alberto Rosselli

“Non si tratta solo di un viaggio fisico, di questo ragazzo che parte dall’Italia, ma dentro c’è anche un viaggio interiore che si realizza nell’arco di una vita”.

É con queste parole che Fabio Evangelisti ha incominciato a raccontarci del suo libro, “A Santiago c’é una piazza”, nel corso di una lunga intervista che ha rilasciato a Radio Perché, la radio del Comites del Cile.

Alberto Rosselli, di Carrara, oggi con i suoi ottantasette anni ben portati, è il protagonista del libro che tra Italia, Argentina e Cile riesce a entusiasmare, coinvolgere, far sentire partecipe il lettore, regalandogli un “posto in prima fila”. “Voglio partire da un aneddoto”, ha detto Evangelisti raccontando e raccontandosi nell’intervista. “Alberto giunge a Buenos Aires e in tasca ha solo una moneta. Nella strada che sta percorrendo c’é un lustrascarpe. Lo colpisce per la sua dignitosa povertà. Pensa un attimo e poi si avvicina e gli dà la moneta pensando che la necessita più di lui.

Da questa moneta regalata a uno sconosciuto parte la storia di Alberto che si snoderà fra le più svariate attività, lavori e iniziative che gli permetteranno di superare un momento molto problematico della sua vita con la piena realizzazione”. Alla fine il sogno della sua gioventù, per dirla con l’autore: “Cosa può desiderare un ragazzo che abbandona il suo paese solo?”, cioè, “quello di farsi una famiglia”, lo realizza.

E non basta. Oggi la sua famiglia si trova compatta a gestire il suo piccolo grande impero costituito da una catena di ristoranti e pizzerie onnipresenti nel “paese sottile” di cui solo recentemente ha deciso di passare il timone al figlio Mario e che nel libro trovano il loro motivo di esistere. Assieme a una imponente azienda import export (rigorosamente tra Italia e Cile) a capo della quale c´è la figlia Patricia. E con queste attività un altro sogno di Alberto si realizza: quello di esportare in Italia prodotti cileni, come vino e il prestigioso salmone ed importare dall’Italia alimenti tipici e, oserei dire, unici nel sapore, come pasta, olio, formaggio, caffè.

“Alberto ama il Cile pur sentendosi sempre profondamente italiano”, ha spiegato a Radio Perché il genero di Alberto, José Luis Granese, “A tal punto che i suoi figli non li ha mandati in una scuola italiana come fanno molti italiani che vivono in Cile, ma cilena. Questo perché loro doveva apprezzare e formarsi in questo paese”.

E il libro racconta proprio tutto questo: l’italianità vissuta attraverso l’esistenza quasi quotidiana della famiglia di Alberto. Una realtà fatta di sapori autentici che ha voluto lui stesso importare (scegliendo con cura prodotti e alimenti) perché insostituibili che si sono tradotti in una magica accettazione e quasi divinazione da parte dei suoi clienti sparsi per tutto il Cile.

Ma nel libro c’é di piú. Il libro può essere letto su diversi piani tutti ben evidenti ma tutti perfettamente incastonati in un gioco di parole che si trasformano ora in dramma e ora in gioia, ora in amore e ora in paura e affanno. Ed é cosí che i lettori in Italia lo hanno già valutato: una bella storia d’amore, un romanzo avvincente, una storia di famiglia appassionante; la difficile realtà dell’immigrazione e anche la rivincita della realizzazione personale ed economica con quello che l’autore ha voluto definire con il mito dello zio d’America. Insomma, in questo libro c’é tutto e l’opposto di tutto.

Fatto per chi ama le saghe familiari ma anche per chi ama le storie avvincenti delle famiglie che dal nulla sono riuscite a realizzarsi in un paese lontano che amano senza mai perdere il gusto e le radici del “primo amore”, quello per la madre patria. Sicuramente chiunque lo leggera troverà la sua dimensione e la prospettiva che lsaprá affascinarlo, conquistandolo.

Marco Maria Scotti

MAE conferma appoggio a Radio Perché

Il Ministero Affari Esteri e della cooperazione Internazionale -MAECI- ha confermato quest’anno l’appoggio a Radio Perché, la radio web del COMITES del Cile: un’iniziativa fatta di volontariato

La nascente radio web del Comites del Cile, Radio Perché, anche quest’anno è stata favorita tra i progetti presentati dai Comites del mondo, con un contributo di mille cinquecento euro.

Il supporto del MAECI consentirà al Comites del Cile di continuare con quest’iniziativa sostenuta anche al volontariato di collaboratori, che ci auguriamo ancora più numerosi man mano che Radio Perché diventerà più attiva.

Paolo Castellani RIP

Il Comitato per gli Italiani all’Estero COMITES, vuole esprimere il cordoglio dell’intera collettività italiana in Cile per la scomparsa del nostro caro connazionale

Sig. Paolo Castellani (RIP)

Come attivo partecipante della collettività italiana in Cile , non ultimo membro del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE) fino al 2015, ha sempre dato una testimonianza perenne di cultura ed amore per la lontana Patria Italiana.

Dopo una Santa Messa alla Parrocchia Italiana di Santiago (calle Bustamante 180, Providencia), ore 12 di domani giovedì 23 novembre 2017,  i suoi funerali proseguiranno verso il Cimitero Parque de Santiago (Huechuraba).


Ha fallecido Sr. Paolo Castellani,
Está siendo velado en Parroquia Italiana de Santiago,
la Santa Misa por su eterno descanso
jueves 23 de noviembre a las 12 horas
en la Parroquia Italiana Av. Bustamante 180 Providencia
sus funerales serán en Parque de Santiago Huechuraba

Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale (SPID)

In esito alle consultazioni intercorse tra il MAECI e l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID), è stato concordato come anche i cittadini italiani residenti all’estero possano ottenere le credenziali del Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale (SPID).

1. COSA E’ SPID

SPID è il sistema di autenticazione che permette a cittadini ed imprese di accedere con un’identità digitale unica ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati aderenti.

Attualmente sono 3783 le amministrazioni aderenti, 4183 i servizi online accessibili con SPID e 1.831.000 gli italiani o le imprese dotate di identità SPID.

L’identità SPID è costituita da credenziali che vengono rilasciate all’utente dai Gestori di Identità Digitale (“Identity Provider” – IdP) accreditati dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

2. COME RICHIEDERE LE CREDENZIALI SPID Continúa leyendo Sistema Pubblico per la Gestione dell’Identità Digitale (SPID)

Il saluto del Comites al Console Nicoletta Gliubich

Il saluto del Comites al Console Nicoletta Gliubich

All’ultima seduta plenaria del Comites del Cile, lo scorso 14 novembre, i consiglieri del Comites, invitati e pubblico presente hanno salutato la partenza del Console D.ssa. Nicoletta Gliubich che dal 2013 ha svolto attivamente il so ruolo di capo dell’Ufficio Consolare dell’Ambasciata d’Italia a Santiago.
Durante tutti quest’anni abbiamo potuto apprezzare la sua capacità professionale e soprattutto la sua grande carica umana che ha saputo condividere in special modo, senza risparmiarsi, stando sempre attenta alle necessità di questa istituzione.

A Curacaví: Primo anniversario Terza Compagnia Vigili del Fuoco

A Curacaví: Primo anniversario Terza Compagnia Vigili del Fuoco Giovanni Battista Pastene

In solenne cerimonia presieduta dal Sindaco del Comune di Curacaví Sig. Juan Pablo Barros Basso e dal Presidente del Comites del Cile (Comitato per gli Italiani all’Estero), Sig. Claudio Curelli, è stato celebrato dalla comunità il primo anniversaria della nuovissima Terza caserma di Vigili del Fuoco di Curacaví.

La Compagnia di Pompieri addetti agli incendi forestali, porta il nome di Giovanni Battista Pastene, navigante genovese (nato a Pegli in 1507) uno dei primi a percorrere le coste cilene del Pacifico, nonché fondatore del paese dell’odierno comune di Curacaví, a 60 chilometri ad ovest di Santiago.

La nascente caserma si è associata ai programmi solidali dell’Undicesima Compagnia Pompa Italia di Santiago  da cui ha ricevuto importanti donazioni tecniche come divise ignifughe e materiale tecnico antincendio.

Grazie anche a questo accordo il Cile vede nascere  una nuova Compagnia Italiana di Pompieri volontari che sventola con orgoglio il Tricolore italiano in un nuovo comune del Cile.

Il Presidente del Comites del Cile ha sottolineato come anche questa è una importante forma di fare italianità diffondendo l’amore per Italia in base all’azione solidale, di cui è diventata un noto esempio la Pompa Italia di Santiago.

Con Tenores Di Bitti parte brillante participación de Italia en FILSA 2017

ITALIA invitado de Honor en Feria Internacional del Libro de Santiago FILSA 2017

Con la inauguración de la FILSA 2017 parte la participación de Italia como invitado de honor.

Italia estará presente todos los días con la presencia de importantes invitados y variadas actividades en su pabellón de honor.

La Embajada de Italia y el Instituto Italiano de Cultura fueron ampliamente elogiados por los medios de comunicación en las personas del Embajador Marco Ricci y la Directora Anna Mondavio, quienes han dado máxima importancia a la participación de Italia en la FILSA 2017.

IIC Invita: Entradas Gratuitas

El instituto Italiano de Cultura -IIC- pone a disposición de sus amigos entradas liberadas para asistir a las actividades italianas en cada día de la FILSA 2017 en el siguiente link: aquí.

TENORES DE BITTI

La importante participación italiana inició “alla grande” con la presentación del “canto a tenore” con el grupo Tenores de Bitti, y su arte polifonico vocal representativo de la mileneria y enigmática cultura de Cerdeña. Continúa leyendo Con Tenores Di Bitti parte brillante participación de Italia en FILSA 2017

CGIE: Queremos parlamentarios que vivan en sus circunscripciones

VOGLIAMO DICIOTTO PARLAMENTARI RESIDENTI NEI NOSTRI TERRITORI

COMUNICATO STAMPA

NON VOGLIAMO FOSSILIZZARCI SULLA RAPPRESENTANZA PARLAMENTARE ESTERA, MA CHE A RAPPRESENTARCI SIANO DICIOTTO PARLAMENTARI RESIDENTI NEI NOSTRI TERRITORI

Il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero ha seguito con particolare interesse il lavoro svolto dalla commissione Affari costituzionali della Camera, in merito alla nuova proposta di riforma
della legge elettorale nazionale, il “Rosatellum 2.0”, che ha approvato un emendamento a firma di Maurizio Lupi (Ap), che precisa alcune norme sulla circoscrizione estero.

La stessa proposta, tanto attesa, inizierà l’iter parlamentare già domani pomeriggio alla Camera dei Deputati.

Esistono profonde perplessità sulla modifica di un principio di fondo, che riguarda le candidature nella circoscrizione estero di cittadini italiani non iscritti all’AIRE, contravvenendo alla specificità della rappresentanza politica della circoscrizione estero sulla quale già in
passato il CGIE aveva chiesto un parere pro veritate.

L’attuale proposta che prevede, inoltre, l’impossibilità dei cittadini italiani residenti all’estero di potersi candidare nei collegi elettorali
italiani, è indice di una disparità di diritti. Differenziare i diritti politici di cinque milioni e mezzo di cittadini italiani residenti all’estero dal resto del corpo elettorale riporterebbe indietro le
istituzioni del nostro paese. Continúa leyendo CGIE: Queremos parlamentarios que vivan en sus circunscripciones